SE HAI UNA MOTO, HAI UNA STORIA DA RACCONTARE...

BENVENUTI NEL MIO MOTOTURISMO.... "I VIAGGI DEL LUPO" Romualdo Fuso

COME NASCE L'APPELLATIVO "Il Lupo"

Castelluccio di Norcia 29.01.2003 giorno del mio 48° compleanno, al mio arrivo nella piazza del paese deserto, fra cumuli incredibili di neve e ghiaccio con la strada scavata da sembrare una trincea, aprendo la porta del suo bar mi accoglie Benedetto 75 anni con queste parole:
"DU VAI FIU MIA CO LA MOTO, MANCO LU LUPU CAMINA OGGHI"
Il termometro segnava 22 gradi sotto zero. Da allora l'effigie di un lupo fa bella mostra di se sulla mia moto.

INTRODUZIONE:

10 Gennaio 2011
Dopo 600.000 km e 31 anni dedicati al turismo in moto, a muovermi oggi è la stessa passione di allora. E' quel qualcosa che mi porto dentro, il pensiero di una piega in curva, di un panorama in contemplazione, di un passo di montagna valicato mi emozionano talmente tanto da tenermi sveglio la notte prima della partenza. Sempre pronto a nuove avventure, a nuove scoperte oppure forse alla ricerca di me stesso, di quella libertà che solo la moto sa offrirmi. Più difficile è l'avventura, infinita la soddisfazione per la riuscita. Ben vengano pioggia, sole, vento, neve, mai un passo indietro questa è la vera forza del "lupo". Questo blog inaugurato i primi di Gennaio dell'anno 2011 è il completamento dei miei giri in moto, è il modo per trasmettere a voi amici mototuristi le mie sensazioni. Sarà in futuro il bastone per la mia vecchiaia, quando la legge del tempo mi impedirà di cavalcare una moto troverò consolazione rileggendo ciò che ho fatto con infinita passione.

BUONA VISIONE

39° DOLOMITI INTERNATIONAL

Chicche dalle Dolomiti            25-26-27 Agosto 2017

Si potrebbe obbiettare, le Dolomiti? "Sempre quelle".....  La 39° edizione del Dolomiti Moto International? "Sempre quella".....  fortunatamente le Dolomiti sono sempre quelle, strade uniche fatte di curve e tornanti da percorrere in moto, panorami esclusivi da gustare ogni volta che si riesce da dentro il casco ad alzare lo sguardo verso quelle guglie appuntite che sfiorano il cielo, è proprio vero alcune delle cose più belle della vita sono gratis. 













                                                   
San Vito di Cadore sede della manifestazione organizzata dal M.C. Spinea oltre ai molti partecipanti accoglie me Francesco e Marco con una meravigliosa sorpresa, vengono a trovarmi Maurizio e sua moglie Antonella, motociclisti di Bergamo conosciuti tempo fa che diventano nostri compagni di moto in questo avvenimento.


Grazie ai percorsi preparati, abbinati a quelli del Presidente Gigi Faraon per questo raid delle Dolomiti, di certo abbiamo percorso la quasi totalità dei passi, stavolta però stravolgo gli stereotipi dei racconti di viaggi in moto dedicandomi prevalentemente alle chicche e agli aneddoti che questo tour ci ha regalato. La prima è la strada della valle del Mis, gallerie scavate nella roccia lungo il percorso del fiume omonimo per continuare col Cimon della Pala che mentre saliamo a San Martino di Castrozza gioca a nascondersi dietro alle nuvole per poi mostrarsi in tutta la sua magnificenza una volta giunti a Passo Rolle. Come non parlare poi dell'albergo il Lupo Bianco sulla salita del Pordoi, immancabile la foto vicino al cartello dell'hotel dove fa bella mostra di se un lupo bianco, due lupi ma forse, purtroppo io sto diventando più bianco di quello della foto.... E' ben gradita, come una perla, anche la pioggia che ci accompagna sul Passo Falzarego utile a far scomparire la calura di questo periodo.

















Altro giro altro gioiello il paese di Cibiana, poco sotto l'omonimo passo, famoso per i suoi "Murales" dipinti a grandezza naturale che ornano i muri perimetrali delle case, è invece una perla al contrario il ghiacciaio della Marmolada che sta scomparendo e il lago Fedaia, nei miei tanti giri sulle Dolomiti non avevo mai visto il livello delle sue acque così basso, una vera tristezza. La cosa invece capitatami su uno degli ultimi tornanti del Passo Sella è molto singolare, mentre raddrizzo la moto dopo una curva intravvedo in terra una forma che sembra un portafoglio, mi fermo e lo raccolgo dentro ci sono soldi, carte di credito e documenti di un ragazzo di nazionalità tedesca. Imbarazzato decido di arrivare al passo, li vedrò il da farsi. Appena mi fermo fortunatamente credo di avere trovato il proprietario, un ragazzo biondo intutato  e sconsolato sembra cercare qualcosa. Mi avvicino, lo guardo, è proprio lui la persona del documento, gli mostro il portafogli, incredulo mi guarda e piangendo mi abbraccia felice, in fondo non si è motociclisti per caso..... Il Passo Gardena e il Giau coi loro panorami, il lago Ghedina dalle acque dal colore verde smeraldo, Misurina e il lago di Auronzo dove si specchiano le Tre Cime di Lavaredo le altre gemme di questi indimenticabili tre giorni di moto.











E San Vito di Cadore che ci ha ospitato? Tante le chicche a cominciare dai due giganti di pietra a guardia del paese, il Sorapis e l'Antelao coi rifugi Senes e Scotter che ci hanno ospitato per le cene magistralmente scelti dall'organizzazione. E non poteva mancare un'ultima perla da parte di Gigi e dei suoi collaboratori, un dolcissimo regalo, la torta denominata Antelao preparata allo scopo e tagliata dalle autorità locali a ricordo della manifestazione. 




                FOTOGALLERY